Da / 14th maggio, 2014 / Ferrara / Off

La Porta e le Mura degli Angeli: La Porta degli Angeli è un monumento storico situato a Ferrara lungo le mura settentrionali della città, eretto verso l’inizio del Cinquecento con la funzione di torre d’avvistamento.
Il suo nome deriva dall’antico toponimo quattrocentesco di Corso Ercole I d’Este, un tempo chiamato Via degli Angeli, il cui tracciato termina proprio d’innanzi ad essa. La costruzione della porta rientra nel progetto urbanistico dell’Addizione Erculea, voluta da Ercole I d’Este nel 1492 e porta a termine dall’architetto Biagio Rossetti.
La porta assunse le caratteristiche odierne quando, nel cinquecento avanzato, fu eretta la casetta del corpo di guardia e solo allora divenne un importante caposaldo armato. Essa era collegata al rivellino, sul quale erano posizionate le artiglierie pesanti, tramite un ponte di legno e nei periodi di pace la costruzione aveva la funzione di porta di rappresentanza dalla quale entravano gli ospiti. L’uso della Porta degli Angeli cambiò numerose volte nel tempo: nel XVIII secolo aveva la funzione di dogana, nel XIX secolo divenne macello per maiali, magazzino per il fieno, polveriera militare e persino abitazione privata fino al 1984.
Durante i restauri degli anni ottanta fu recuperato il rivellino e l’aspetto cinquecentesco della porta insieme alla costruzione di un ponte in metallo che collega il rivellino al prospetto nord. La porta aperta al pubblico ospita anche eventi temporanei è erroneamente conosciuta come “casa del boia, nome che probabilmente deriva dalle “grida” dei maiali al macello molto simili ai lamenti umani.